Gastrite nervosa: cosa mangiare, se si ha bruciore di stomaco
Alimentazione

Gastrite nervosa: cosa mangiare, se si ha bruciore di stomaco

Il termine gastrite, come ogni parola che in medicina termina con la desinenza “-ite”, indica uno stato di infiammazione: più nello specifico, essa fa riferimento all’infiammazione del rivestimento dello stomaco

Tra le cause della gastrite, si annoverano infezioni batteriche (come quelle dovute a Helicobacter pylori), che spesso sono le stesse che determinano anche le ulcere allo stomaco. Anche l’utilizzo sconsiderato di alcuni antidolorifici e l’eccessivo consumo di alcol possono contribuire allo sviluppo di una gastrite. 

Talvolta, però, l’infiammazione della mucosa gastrica è dovuta a una situazione psicosomatica: alti livelli di stress e ansia, determinati dalle attività quotidiane e dalle responsabilità lavorative e famigliari, possono infatti esercitare un’influenza negativa sulla salute dell’apparato digerente.

Come capire se si ha la gastrite nervosa?

La gastrite nervosa è un tipo di gastrite causata da stress o ansia, che influenza lo stato di salute del nostro stomaco, arrivando a infiammare la mucosa gastrica.

Si tratta di un disturbo di origine emotiva che finisce per colpire lo stomaco e generare sintomi spesso confusi.

Non è sempre vero, quindi, che la gastrite si origina internamente all’apparato digerente, specie se i segni di gastrite nervosa risultano accompagnati anche da condizioni emotive quali stress, ansia, nervosismo e generale tensione emotiva. 

Molto spesso essa è asintomatica ma, in caso contrario, il più comune segno di gastrite nervosa è il dolore addominale superiore, che può risultare episodico o di lunga durata, protraendosi anche per settimane.

Altri possibili sintomi di gastrite includono:

  • Gonfiore e bruciore di stomaco
  • Nausea
  • Vomito
  • Sensazione di pienezza
  • Dolore epigastrico e addominale
  • Perdita di appetito

Di conseguenza, molti pazienti faticano ad alimentarsi correttamente, arrivando talvolta a consumare un solo pasto al giorno. La dieta è però importantissima, non solo per supplire alle esigenze nutrizionali, ma anche per gestire la gastrite nervosa, soprattutto se si cronicizza.

Gastrite nervosa: cosa mangiare

Una buona dieta per la gastrite fa sì che lo stomaco non sia ulteriormente gravato da alimenti difficili da digerire: questo comporta evitare cibi ad alto contenuto di grassi o con un gran numero di additivi.

Pertanto, si può alleviare il disturbo allo stomaco optando per pietanze leggere, ossia piatti ricchi di carboidrati, a basso contenuto proteico e di grassi. Inoltre, visto che una delle difficoltà maggiori di chi soffre di gastrite è proprio l’attitudine a una alimentazione regolare, per abituarsi di nuovo a più pasti al giorno si consiglia di consumare piccole porzioni molto ravvicinate nel tempo, anziché tre pasti al giorno molto abbondanti: cinque spuntini è, infatti, la quantità ottimale. Le porzioni dovrebbero poi essere ingerite e masticate per bene, per agevolare il processo digestivo.

Tra gli alimenti che si possono mangiare con la gastrite, perché facili da digerire, si annoverano le verdure a vapore come il finocchio, le zucchine, le verdure a foglia verde (tranne il cavolo) e le carote, e la frutta dolce con poca acidità, quindi no agrumi, ma sì a mele, pere, uva e banane, da consumare preferibilmente lontano dai pasti, magari durante lo spuntino di metà mattina o durante la merenda.

Tra i carboidrati, sì a farina bianca, riso, fette biscottate, biscotti secchi e patate bollite, ma anche

prodotti da forno a base di pasta leggera (senza burro) e torte di frutta (meglio senza panna). Tra le cose da mangiare contro la gastrite troviamo anche i cereali quali la semola, l’avena e i fiocchi. Le uova non sono vietate, ma vanno cucinate sode o in camicia e senza condimenti grassi.

E cos’altro si può mangiare con la gastrite? Della carne meglio prediligere quella magra come pollame e manzo magro; sì anche a prosciutto cotto, ma magro, ossia senza latticini. Lo stesso vale per il pesce: sì a carni magre d’acqua dolce e salate, come branzino, trota e platessa. Tra i prodotti latteo-caseari, poi, meglio optare per quelli a base di latte magro e formaggi dolci non fermentati oppure sostituire il latte con le bevande al riso o alla soia.

E i condimenti? In una alimentazione per la gastrite vanno inclusi oli vegetali a crudo, in piccole quantità, erbe essiccate, semi di curcuma, cumino e finocchio e anche pepe, ma in moderazione.

Le modalità di cottura consigliate sono poi quella al vapore, al cartoccio, al forno, alla griglia e alla piastra.

Tra le bevande, infine, optare per acqua (almeno 8 bicchieri al giorno a temperatura ambiente), infusi alle erbe come finocchio, anice, cumino e camomilla, oppure un caffellatte molto delicato, anche in base alla propria tolleranza.

Gastrite e dieta: cosa mangiare a colazione 

Va da sé, allora, che sono sconsigliate le classiche colazioni con cappuccino e brioche, ma anche le colazioni che prevedono il consumo di frutta (come si diceva, meglio consumarla separatamente dai pasti principali, durante gli spuntini).

Chi soffre di gastrite a colazione può prediligere uno yogurt magro o a base di riso o soia, in unione a cereali integrali, come i fiocchi d’avena. Al posto dei vietatissimi tè o caffè, meglio invece un infuso caldo alle erbe, magari a base di finocchio o malva.

Gastrite nervosa: i cibi da evitare

Come si è ormai capito, curare la gastrite nervosa passa anche dall’alimentazione. Sapere cosa non mangiare con la gastrite è a questo punto abbastanza semplice: basta evitare tutto ciò che può contribuire a irritare ulteriormente lo stomaco. Sfortunatamente, questo comporta la rinuncia agli alimenti e alle bevande più gustose, come fritture, carni grasse, caffè e tè, dolciumi ricchi di latticini… Vediamoli insieme.

Tra i carboidrati, si sconsigliano i cereali integrali sia nel pane che nella pasta; tra i prodotti da forno, inoltre, no ad alimenti fritti o grassi o dolciumi che contengano la panna, no anche alle patatine fritte.

Il fritto, infatti, è il grande tabù per chi soffre di gastrite, che dovrebbe quindi astenersi da frittelle, panzerotti, chiacchiere, tempura e affini. Per la stessa ragione, sono assolutamente aboliti i condimenti piccanti: no a peperoncino, salsa piccante e qualsiasi spezia che possa irritare ulteriormente la mucosa gastrica, come il curry. No anche ad aglio e cipolla. A proposito di condimenti: sarebbe bene evitare anche il consumo di maionese, olio non a crudo e burro.

Ma non è finita qui! Bisogna purtroppo rinunciare anche a carni grasse, come le salsicce, l’anatra, il maiale, il lardo, l’arrosto e la pancetta; e ancora, tra il pesce, no a salmone, anguilla e aringhe. Infine, no anche a formaggi stagionati e forti come gorgonzola, fontina e asiago.

Gli amanti delle verdure dovranno poi stare attenti a cavolo, ravanello, fagioli, funghi e peperoni e, per quanto riguarda la frutta, ciliegie, albicocche e agrumi.

Veniamo dunque alle bevande: banditi tè e caffè, come già si ricordava, dato che teina e caffeina sono note per irritare il rivestimento gastrico, ma anche succhi di frutta non diluiti, limonate, cola e bevande ghiacciate, nonché bibite a base di soda perché la carbonatazione può peggiorare il dolore allo stomaco. Infine, è necessario rinunciare completamente agli alcolici, dal vino ai superalcolici come grappa e amari.

Possono sembrare rinunce importanti ma lo stomaco, col tempo, vi ringrazierà, insieme ai livelli di colesterolo.

Ottieni una prima diagnosi in pochi minuti: clicca qui.

In collaborazione con pazienti.it

Fonti:

www.nhs.uk/conditions/gastritis/
www.medicinenet.com/gastritis/article.htm

Il Gruppo AXA Italia non risponde dei contenuti degli articoli pubblicati.

Servizi per tutti

Valuta i tuoi sintomi

Scrivi in chat i tuoi sintomi. Grazie all'intelligenza artificiale di Mediktor otterrai un report con le possibili cause e tanti consigli utili.

Trova le strutture

Ricerca le migliori strutture sanitarie per le prestazioni di tuo interesse secondo il Ministero della Salute. Scopri anche le strutture proprietarie AXA.

Ascolta i migliori specialisti

Scopri i webinar AXA Health Talk per rimanere aggiornato sui temi più importanti per la tua salute.

Lo sapevi che…

Oltre 12 milioni di persone hanno rinunciato alle cure del Servizio Sanitario Nazionale per via delle lunghe liste d’attesa

Quando hai bisogno di prestazioni mediche o di un consulto medico solitamente a chi ti rivolgi?

Loading ... Loading ...

Le soluzioni per diventare cliente AXA

Assistenza 360

Modulo di Protezione Salute acquistabile singolarmente. Include consulti medici 24/7, tariffe agevolate, consegna farmaci a casa, fino a 2500€ per la copertura di spese di assistenza domiciliare e molte altre prestazioni, valide anche all’estero. Tutto a meno di 7€ al mese!

Protezione Salute

Check up gratuito, rimborso delle spese per visite e interventi in un network di strutture convenzionate, assistenza medica 24/7 e tanto altro ancora. Scegli una polizza completa e altamente personalizzabile per proteggere te e i tuoi cari.

Protezione Su Misura

Sei un lavoratore autonomo, dipendente, una casalinga o un pensionato? Puoi proteggere il tuo tenore di vita con un’assicurazione che ti tuteli in caso di infortunio, malattia e perdita d’impiego. Scegli il tuo profilo e scopri una proposta su misura per te.