Opzione Donna: cosa prevede la Legge di Bilancio per il 2017?
Previdenza

Opzione Donna: cosa prevede la Legge di Bilancio per il 2017?

L’Italia non è un paese per donne? Parrebbe così leggendo i dati dell’Oecd (Osce) rielaborati dall’Economist, dove emerge un paese in fondo alle classifiche per il lavoro femminile. Dall’educazione agli stipendi, alla maternità, alla pensione, l’Italia si confermerebbe un paese difficile per la donna che deve o vuole lavorare. Così, contrariamente ai dati dell’Istat, per cui hanno incrementato sensibilmente la partecipazione al mercato del lavoro, le condizioni per una vita professionale dignitosa o adeguata restano ancora complesse, tanto che una su due non lavora. In questo scenario una novità importante è però quella relativa alla pensione, che il parlamento ha approvato e che prende il nome di Opzione Donna.

Tra i nuovi requisiti per andare in pensione nel 2017, la Legge di Bilancio ha prorogato ulteriormente il regime sperimentale dell’opzione Donna fino a ricomprendere anche le lavoratrici nate nell’ultimo trimestre del 1958.

L’Opzione potrà essere esercitata dalle lavoratrici dipendenti, anche del pubblico impiego, e dalle lavoratrici autonome che hanno maturato i 57 anni (58 se autonome) entro il 31 dicembre 2015 e hanno almeno 35 anni di contributi al 31 dicembre 2015 (previa finestra 12/18 mesi).

L’ultima lavoratrice inclusa, nata il 31 dicembre 1958, maturerà, pertanto, il diritto il 31 luglio 2016 e potrà ottenere l’erogazione della pensione dopo altri 12 mesi, vale a dire dal 1° agosto 2017 (1° febbraio 2018 nel caso delle autonome perchè nei loro confronti la finestra mobile è pari a 18 mesi).

Di seguito una tabella per capire meglio il funzionamento dell’Opzione Donna.

tabella opzione donna 2017

Anche questa volta le lavoratrici interessate dovranno ponderare con attenzione la possibilità offerta dall’ordinamento anche alla luce delle novità previste dalla legge di bilancio. L’opzione infatti comporta una riduzione definitiva dell’assegno a causa del ricalcolo con le regole del sistema contributivo. Riduzione tanto più ingente quanto maggiore è la quota dell’assegno determinata con il sistema retributivo e cioè se la lavoratrice ha almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995. Ma in compenso può permettere un anticipo dell’età pensionabile significativo rispetto alle regole Fornero: da sette agli otto anni considerando che l’età pensionabile di vecchiaia nel 2017 per le lavoratrici dipendenti è fissata a 66 anni e 7 mesi nel pubblico impiego, a 65 anni e 7 mesi quelle del settore privato e 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome. Dal prossimo 1° maggio 2017 (escludendo possibili rinvii) l’opzione Donna andrà confrontata con l’opportunità, alternativa, di chiedere l’Ape sociale o l’Ape volontario in attesa di conseguire la pensione con le regole Fornero. In entrambi i casi bisognerà raggiungere un’età di almeno 63 anni, dunque un’età sicuramente superiore a quella per effettuare l’opzione Donna.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitate a scriverci.

Quanto ti è stato utile il post?  
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars Voto già effettuato

Scritto da: Newsroom a

Condividi:

Servizi per tutti

Calcola la tua pensione

Scopri la tua pensione pubblica e il piano integrativo perfetto per te. Bastano pochi dati per un calcolo preciso e affidabile.

Andamento fondi AXA

Visualizza le quotazioni dei fondi interni ed esterni sottostanti ai prodotti AXA, consulta l'andamento di uno o più fondi che ti interessano per restare sempre aggiornato sull'andamento del mercato.

Andamento fondi AXA MPS

Visualizza le quotazioni dei fondi interni ed esterni sottostanti ai prodotti AXA MPS, consulta l'andamento di uno o più fondi che ti interessano per restare sempre aggiornato sull'andamento del mercato.

Le soluzioni per diventare cliente AXA

Mia Pensione

Una pensione integrativa è la soluzione ideale per preservare il tuo stile di vita al momento del pensionamento. Con Mia Pensione decidi tu quando e quanto versare, scegli la linea di investimento più adatta a te e usufruisci di importanti vantaggi fiscali.

Easy Plan

Un modo semplice per gestire i tuoi risparmi? Con Easy Plan investi a partire da 75€ al mese tutelando il tuo capitale senza rinunciare alle opportunità dei mercati finanziari e dei fondi sostenibili. Puoi disinvestire in qualsiasi momento e la tua fedeltà sarà premiata con un bonus.

Buon Lavoro!

La polizza dedicata agli imprenditori interessati a tutelare la propria attività dagli imprevisti di ogni giorno: incendio, fermo attività, furto e rapina, RC per richieste di risarcimento danni da terzi e dipendenti e tante altre coperture.

Cyber Sicuro

La soluzione completa che protegge la tua attività dagli attacchi informatici grazie ad indennizzi economici e supporti dedicati e, contemporaneamente, tutela i tuoi clienti e fornitori dai pericoli del web.