logo_post_protetto
logo_laterale

Come affrontare un’escursione in montagna d’inverno

Come affrontare un’escursione in montagna d’inverno

Arriva la stagione invernale, molti considerano la montagna solo per le discese con gli sci. E’ un errore clamoroso, perché la montagna con la neve non rappresenta solo uno spettacolo unico, ma una via privilegiata per fare esperienze incredibili con se stessi, alla scoperta delle meraviglie della natura. Provare per credere, ma prima leggete i consigli che abbiamo stilato per voi, per non trasformare un’esperienza straordinaria in un’esperienza negativa o pericolosa.

 

Pianificare l’itinerario

Quando devi pianificare la tua prima escursione invernale è meglio scegliere in modo adeguato l’itinerario da percorrere, in base al proprio allenamento, tenendo conto che un percorso che abbiamo effettuato in estate risulta essere molto più difficile in inverno, potremmo trovarci con strade di accesso chiuse oppure con difficoltà ad avanzare e con la neve sino alla vita, senza punti di riferimento, i sentieri e le strade forestali scompaiono sotto alla coltre nevosa. Meglio essere prudenti con le distanze e il dislivello da superare. Mettete poi in preventivo che dovrete alzarvi molto presto, le giornate sono molto corte.

 

Sveglia all’alba

E’ l’unico prerequisito che serve. Una sveglia presto deve essere seguita da una abbondante colazione proteica, in grado di fornire al vostro organismo tutte le calorie necessarie per uno sforzo che, soprattutto all’inizio, non deve essere sottovalutato ma è difficile da quantificare.

 

Controllare le previsioni meteo

Verificare sempre quali sono le previsioni per il giorno dell’escursione, le temperature previste, il vento, e cosa importante consultare e imparare a leggere il bollettino valanghe per la zona che intendete frequentare, se le condizioni non lo consentono, bisogna avere il buon senso di rimandare.

 

Uscire con un amico esperto

Uscire da soli in inverno non è mai una buona scelta. Oltre a risultare più sicure, le escursioni in gruppo sono anche più divertenti, inoltre se tra di voi c’è una persona esperta, questa potrà istruirvi su come avanzare in ambiente innevato, utilizzare le ciaspole o i ramponi. Inoltre lasciate sempre detto a qualcuno dove avete intenzione di andare.

  

Portare una bevanda calda

Al di là di una buona scorta di acqua per non finire disidratati, è fondamentale portarsi un bel thermos con una bevanda calda, che riscalderà e sarà un piacere gustarsi appena raggiunta la meta.

 

Scegliere l’attrezzatura di sicurezza

Arva, pala e sonda, non devono mai mancare quando si affronta la montagna in inverno, ci sono altre cose che dobbiamo assolutamente portare con noi; la mappa del percorso, il kit di pronto soccorso, una bussola, la lampada frontale, un paio di guanti di scorta, un coltellino tascabile, gli scaldamani chimici. Occorre fare di tutto per evitarlo, ma potrebbe accadere di dover passare la notte fuori.

 

Vestirsi a cipolla

Risparmiare in montagna è un controsenso quando si tratta di attrezzatura o abbigliamento per escursioni sia scialpinistiche che con le ciaspole. Fra questi la priorità è un vestiario a strati, indispensabile, perché consente di essere pronti a tutte le variazioni di temperatura che si incontrano durante un’escursione, il freddo dei primi metri, il caldo in salita e di nuovo il freddo in vetta. Lo schema è più o meno questo: una buona maglietta intima a maniche lunghe che consente di espellere velocemente il sudore, una felpa (thermal layer), una giacca in primaloft e il guscio esterno in GoreTex. Infine un paio di pantaloni invernali con zip per areazione.

 

Imparare ad usare i ramponi

I ramponi oltre ad essere essenziali per la progressione in caso di ghiaccio devono anche essere utilizzati con attenzione. Se non li avete mai utilizzati imparate da un vostro amico più esperto come si indossano e tolgono, imparate e provate prima le varie tecniche di progressione. Non bisogna dimenticare che sono delle punte affilate fissate ai vostri piedi, e come tali vanno usati con cautela.

 

Prepararsi a rinunciare

Non rischiate la vita, se non siete sicuri tornate indietro. La montagna non scappa e ci sarà un’altra occasione più favorevole.

Scritto da:Newsroom

La newsroom di AXA Italia è una vera e propria startup interna gestita da collaboratori e da giornalisti professionisti.

000-017   000-080   000-089   000-104   000-105   000-106   070-461   100-101   100-105  , 100-105  , 101   101-400   102-400   1V0-601   1Y0-201   1Z0-051   1Z0-060   1Z0-061   1Z0-144   1z0-434   1Z0-803   1Z0-804   1z0-808   200-101   200-120   200-125  , 200-125  , 200-310   200-355   210-060   210-065   210-260   220-801   220-802   220-901   220-902   2V0-620   2V0-621   2V0-621D   300-070   300-075   300-101   300-115   300-135   3002   300-206   300-208   300-209   300-320   350-001   350-018   350-029   350-030   350-050   350-060   350-080   352-001   400-051   400-101   400-201   500-260   640-692   640-911   640-916   642-732   642-999   700-501   70-177   70-178   70-243   70-246   70-270   70-346   70-347   70-410   70-411   70-412   70-413   70-417   70-461   70-462   70-463   70-480   70-483   70-486   70-487   70-488   70-532   70-533   70-534   70-980   74-678   810-403   9A0-385   9L0-012   9L0-066   ADM-201   AWS-SYSOPS   C_TFIN52_66   c2010-652   c2010-657   CAP   CAS-002   CCA-500   CISM   CISSP   CRISC   EX200   EX300   HP0-S42   ICBB   ICGB   ITILFND   JK0-022   JN0-102   JN0-360   LX0-103   LX0-104   M70-101   MB2-704   MB2-707   MB5-705   MB6-703   N10-006   NS0-157   NSE4   OG0-091   OG0-093   PEGACPBA71V1   PMP   PR000041   SSCP   SY0-401   VCP550