logo_post_protetto
logo_laterale

Mito da sfatare. Il cioccolato fa male.

Mito da sfatare. Il cioccolato fa male.

Il cioccolato è un capro espiatorio. O meglio, uno stereotipo. Gode di cattiva stampa, tanto quanto il suo sapore è buono. Vissuto essenzialmente come comfort food, cioè come cibo rassicurante nel quale rifugiarsi quando si è a corto di calore, reale ed emotivo, vive per questo da sempre l’ostracismo delle mamme, che lo vietano ai figli, e del senso comune, per cui farebbe male.

Niente di più sbagliato, sostiene la scienza. “Il cioccolato fa benissimo”, dice il chimico Luisa De Cola, direttore del prestigioso Laboratoire de Chimie et des Biomatériaux Supramoléculaires dell’università di Strasburgo.  “L’importante è che sia fondente e che sia assunto in piccole dosi quotidiane, che rilasciano numerose molecole importanti per la salute e l’umore, contagiando chi ci sta intorno e aiutandoci nei momenti difficili”.

Il cioccolato infatti contiene degli stimolanti, teobromina e caffeina, dei vasi dilatatori e degli antiossidanti e il “colesterolo buono” che hanno un’azione benefica sulla salute in generale e più in particolare su quella di cuore e arterie. L’azione antiossidante del cioccolato è garantita anche dai Bifidobacterium, un particolare tipo di batteri intestinali che in presenza di cacao crescono e fermentano, producendo appunto composti antinfiammatori.

La polvere di cacao che compone il cioccolato contiene molti polifenoli,  (antiossidanti), come catechina ed epicatechina, e una piccola quantità di fibra alimentare. Si tratta di materiali scarsamente digeribili salvo che nel colon, dove appunto i batteri fermentano la fibra e i grandi polimeri polifenolici vengono metabolizzati in molecole più piccole, più semplici da assorbire.

E quindi e proprio vero che il cioccolato e’ il cibo degli dei!

Scritto da:Newsroom

La newsroom di AXA Italia è una vera e propria startup interna gestita da collaboratori e da giornalisti professionisti.