Intolleranze alimentari: sintomi, cause e test
Alimentazione

Intolleranze alimentari: sintomi, cause e test

Le intolleranze alimentari causano una sintomatologia intensa e fastidiosa. Scopriamo i sintomi le cause e quali sono i test per individuare l’alimento a cui si è intollerante.

Per intolleranza alimentare si intende l’incapacità dell’organismo di assimilare e metabolizzare un particolare alimento. Tale intolleranza si manifesta dopo aver consumato l’alimento, con una sintomatologia di intensità variabile, legata alla gravità dell’intolleranza. Si tratta di una reazione avversa a un alimento che può assomigliare come sintomi a quelli di un’allergia, ma che in realtà ha cause molto diverse.

Le intolleranze alimentari più diffuse, oggi, sono quelle al glutine e al lattosio. Spesso non è semplice identificare il cibo che causa una reazione avversa e per farlo occorre avvalersi sempre del supporto di uno specialista.

Sintomi delle intolleranze alimentari

Quando si ingerisce del cibo verso cui si è intolleranti, l’organismo reagisce con una serie di sintomi che possono variare per entità e anche per tempo necessario alla reazione.

Ecco i sintomi più frequenti provocati da un’intolleranza alimentare:

A differenza delle allergie alimentari, le intolleranze provocano sintomi a carico dell’apparato digestivo e solo molto raramente sintomi come orticarie, prurito o problemi respiratori.

Individuare il cibo o il componente che causa la reazione avversa permette di eliminarlo dall’alimentazione e pone fine alla comparsa dei sintomi. Non è sempre necessario eliminare del tutto tale alimento, spesso basta ridurlo e reintegrarlo gradualmente nella dieta quotidiana. Se sottovalutata, però, un’intolleranza può peggiorare e assumere una forma cronica: il quel caso l’alimento andrà necessariamente evitato per non incorrere nuovamente nella sintomatologia sopra elencata.

Che cosa causa le intolleranze alimentari?

Nonostante quello delle intolleranze alimentari sia un argomento di cui si parla spesso negli ultimi tempi, le cause che generano le intolleranze non sono ancora state completamente indagate.

Le tesi più accreditate in materia collegano la comparsa delle intolleranze alimentari a una predisposizione genetica e familiare, evidenziando, quindi, un’origine legata a fattori ereditari.

Altre teorie, però, concordano nel far risalire le cause delle intolleranze a momenti di particolare stress e affaticamento dell’organismo, a infezioni intestinali o ancora a difficoltà nell’alimentazione, riscontrate durante la fase dello svezzamento, da neonati. 

Le intolleranze non vanno confuse con le allergie che sono invece causate dal sistema immunitario.

Sebbene ogni alimento possa dare origine a una reazione avversa, tra gli alimenti che sono più spesso causa di intolleranza alimentare troviamo:

  • Latte e lattici;
  • Glutine e frumento;
  • Uova;
  • Caffè.

Test per capire se si è intollerante ad un alimento

Come menzionato, le intolleranze alimentari più facili da diagnosticare sono quelle al glutine e al lattosio. Per farlo, lo specialista si serve di un test diagnostico. La maggior parte di questi test hanno una buona attendibilità, seppure non totale, in quanto considerano i cibi nel loro insieme e non le sostanze di cui sono composti. I test diagnostici per le intolleranze alimentari più diffusi sono:

  • Prick test;
  • Prist;
  • Elisa;
  • CAP;
  • Prick by prick;
  • RAST.

I test diagnostici rappresentano un importante aiuto nella diagnosi di un’intolleranza alimentare. Tuttavia non sono sempre sufficienti per una diagnosi certa e risolutiva. Fondamentale è il supporto diretto e costante di un medico specialista e di un nutrizionista che potranno valutare nell’insieme il quadro clinico del paziente. Un ottimo punto di partenza può essere quello di tenere un diario alimentare, su cui annotare ciò che si mangia giorno per giorno, a quali orari e le eventuali reazioni avverse sopravvenute.

Improvvisare, quando si parla di intolleranze alimentari, non è una buona idea. Eliminare dei cibi dalla dieta senza il parere medico, non è una scelta consigliata e potrebbe rivelarsi dannosa o quanto meno inutile.

Il medico, invece, grazie al prezioso supporto del diario alimentare, potrà considerare tutti i sintomi e proporre la riduzione o l’eliminazione di un alimento, per un periodo circoscritto di tempo, per valutare così la risposta dell’organismo ma al tempo stesso consiglierà gli alimenti giusti per sostituirlo in modo da non creare squilibri e permettere al paziente di alimentarsi comunque in maniera sana e bilanciata.

Importante è poi eliminare un solo alimento alla volta, per poter valutare in maniera obiettiva l’eventuale riduzione della sintomatologia, senza rischio di errori.

Se hai bisogno di approfondimenti o hai dei dubbi sulla tua salute fai una domanda ad uno specialista o consulta le risposte ricevute dagli altri utenti: clicca qui.

Il Gruppo AXA Italia non risponde dei contenuti degli articoli pubblicati

Fonti

https://www.pazienti.it/news-di-salute/come-capire-se-si-soffre-di-intolleranze-alimentari-15092021

https://www.pazienti.it/contenuti/prestazioni/test-diagnostico-per-intolleranze-alimentari

https://humanitas.it/malattie/intolleranze-alimentari/

https://www.epicentro.iss.it/intolleranze/

Pazienti.it
Scritto da:Pazienti.it

Servizi per tutti

Chiedi a un esperto

Fai una domanda ad uno specialista e risolvi i dubbi sulla tua salute. Consulta anche le risposte ricevute dagli altri utenti.

Valuta i tuoi sintomi

Scrivi in chat i tuoi sintomi. Grazie all'intelligenza artificiale di Mediktor otterrai un report con le possibili cause e tanti consigli utili.

Trova le strutture

Ricerca le migliori strutture sanitarie per le prestazioni di tuo interesse secondo il Ministero della Salute. Scopri anche le strutture proprietarie AXA.

Ascolta i migliori specialisti

Scopri i webinar AXA Health Talk per rimanere aggiornato sui temi più importanti per la tua salute.

Lo sapevi che…

La pianificazione pensionistica è fondamentale per garantirsi un futuro più stabile, tutelando il proprio tenore di vita anche dopo la pensione

Come organizzi il tuo futuro pensionistico?

Loading ... Loading ...

Le soluzioni per diventare cliente AXA

Assistenza 360

Modulo di Protezione Salute acquistabile singolarmente. Include consulti medici 24/7, tariffe agevolate, consegna farmaci a casa, fino a 2500€ per la copertura di spese di assistenza domiciliare e molte altre prestazioni, valide anche all’estero. Tutto a meno di 7€ al mese!

Protezione Salute

Check up gratuito, rimborso delle spese per visite e interventi in un network di strutture convenzionate, assistenza medica 24/7 e tanto altro ancora. Scegli una polizza completa e altamente personalizzabile per proteggere te e i tuoi cari.

Protezione Su Misura

Sei un lavoratore autonomo, dipendente, una casalinga o un pensionato? Puoi proteggere il tuo tenore di vita con un’assicurazione che ti tuteli in caso di infortunio, malattia e perdita d’impiego. Scegli il tuo profilo e scopri una proposta su misura per te.

I nostri partner editoriali

Il team di AXA scrive per voi in collaborazione con diversi partner accreditati, ognuno dei quali è focalizzato su un determinato settore: un insieme di conoscenze e competenze messe a disposizione dei lettori.

Scopri di più