logo_post_protetto
logo_laterale

Il vino fa bene (a patto di non guidare)

Il vino fa bene (a patto di non guidare)

“Il vino? E’ fatto quasi tutto di acqua”, si dice ancora oggi nelle campagne senesi. Se è bene ricordarlo, è ancora meglio – e obbligatorio – sapere che in quel “quasi” c’è soprattutto l’alcol, qualcosa di molto pericoloso non solo per il fegato e il cuore ma soprattutto per la sicurezza. In particolare se chi ha bevuto guida un’auto.

Il codice della strada è molto chiaro. Fissa a 0,5 grammi/litro di alcol nel sangue il limite oltre il quale il conducente viene considerato in stato di ebbrezza. Molti dicono che è troppo basso, altri che dovremmo portarlo a zero, lascio ad ognuno di voi la propria opinione, per noi è importante che esista un limite perché la vita, il bene più caro, va tutela.

Secondo l’ACI con un tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,9 ci sono 11 volte in più le probabilità di causare un incidente, se il tasso supera i 1,5 sono 380. Le sanzioni previste in caso di infrazione variano a seconda del tasso alcolemico, vanno da un minimo di 500 euro ad un massimo di 6000 euro, dalla sospensione della patente per 3 mesi a 2 anni e nei casi più gravi è previsto addirittura l’arresto.

Mai guidare quindi dopo aver bevuto e in ogni caso seguire sempre le regole del codice della strada. Oltre che della civiltà, che impone di non bere mai a stomaco vuoto, non bere troppo (e cioè massimo due bicchieri al giorno per gli uomini e uno per le donne) né tutti i giorni.

Detto questo, ci sono moltissimi motivi per cui bere (un po’) di vino fa solo bene. A condizione, dicono gli scienziati, che sia rosso. E che non abbiate problemi di linea, visto che mezzo litro di vino equivale a un 350 kcal, quindi un quarto del fabbisogno giornaliero medio.

  • Previene la comparsa di arteriosclerosi, combattendone i sintomi fino ad impedirne la comparsa. L’alcol contenuto nel vino aiuta i vasi a mantenersi sani  grazie alla formazione di ossido nitrico, sostanza fondamentale per il rilassamento vascolare.
  • Regola la pressione arteriosa: se bere troppo vino provoca ipertensione, bere un bicchiere di vino (250 ml) ha l’effetto contrario.
  • Riduce la formazione di calcoli renali: il consumo quotidiano di vino rosso riduce il rischio di sviluppare i calcoli ai reni.
  • Aiuta a Alzheimer: le ricerche dimostrano che il resveratrolo (un componente del vino rosso) ha degli effetti neuroprotettori, impedendo lo sviluppo di questa malattia.
  • Riduce il rischio di artrite reumatoide.
  • Ha un effetto anticoagulante e antitrombotico: non solo si raggiunge questo effetto bevendo vino ogni giorno, ma è stato anche dimostrato che i consumatori sporadici hanno una minore quantità di fibrinogeno, glicoproteina del sangue che ne regola la coagulazione.
  • Infine, previene l’influenza, i raffreddori e sembra che abbia anche un effetto afrodisiaco. Meglio di così, cosa potrebbe esserci?
Scritto da:Newsroom

La newsroom di AXA Italia è una vera e propria startup interna gestita da collaboratori e da giornalisti professionisti.